I metodi di stordimento sono sostanzialmente due, con una combinazione di anidride carbonica (la più usata) o per mezzo di corrente elettrica.

  • Lo stordimento a gas prevede che le casse ospitanti gli animali vengano inserite in un tunnel ad atmosfera controllata. La combinazione di gas presente all’interno, monitorata in maniera costante, consente di rispettare sempre l’adeguata concentrazione. I volatili, una volta usciti dal tunnel ad atmosfera controllata, sono totalmente incoscienti; in questo caso risulta molto facile l’appendimento anche ad alte velocità
  • Lo stordimento con elettricità viene effettuato facendo i volatili in una vasca d’acqua, in cui una elettrodo immerso ed uno a contatto con il gancio consentono il passaggio di corrente all’interno del corpo.

Gli storditori elettrici sono normalmente regolabili, in modo che i parametri di voltaggio, amperaggio e frequenza siano adeguati alle velocità di macellazione ed al peso degli animali.